Vitellone Bianco dell’Appennino Centrale IGP


Il Vitellone Bianco dell’Appennino Centrale IGP è la carne fresca ottenuta da bovini di pura razza Chianina, Marchigiana e Romagnola.

Descrizione del prodotto

Il pregio e la tipicità della carne di Vitellone Bianco dell’Appennino Centrale è dovuto alla combinazione tra il patrimonio genetico delle razze ed il sistema di allevamento e di alimentazione utilizzato. I sistemi di allevamento sono preminentemente riconducibili a quelli tradizionali della posta fissa o semilibera dei soggetti all’ingrasso e gli alimenti utilizzati nella fase di accrescimento e di ingrasso sono prevalentemente di produzione aziendale.
Le piccolissime dimensioni aziendali non hanno recepito le recenti tecnologie di alimentazione nè nuovi tipi di foraggi utilizzati al solo scopo di abbassare i costi ed il bovino ha conservato il ruolo di utilizzatore e trasformatore delle risorse aziendali.

Cenni storici

La terminologia “toro bianco dell’Italia centrale” compare per la prima volta in Giunio Moderato Columella nell’opera De re rustica del I secolo d.C., con sicuro riferimento ai maestosi candidi esemplari dell’etrusca Chianina. Questo nome può essere considerato la prima traccia, da cui si è originata nei secoli la terminologia attuale, estesa a comprendere anche altre due razze bovine autoctone: la Marchigiana e la Romagnola. E’ infatti ampiamente riscontrabile in bibliografia l’uso del termine “Razze Bianche dell’Italia Centrale” o “dell’Appennino” con riferimento a soggetti di razza Chianina, Marchigiana e Romagnola.
L’affermarsi di una terminologia comune è giustificata dalle profonde affinità e similitudini di queste razze, dipendenti dall’origine filogenetica comune e dalla sostanziale omogeneità dell’areale tipico di allevamento.
Chianina, Marchigiana e Romagnola hanno una storia “agricola” comune avendo conosciuto l’apice del loro sviluppo durante l’epoca della mezzadria; si sono quindi formate nella tipica azienda mezzadrile collinare dell’Italia centrale, dove sono state prima utilizzate per il lavoro dei campi e poi, a partire dalla metà del 1800, avviate alla selezione come razze specializzate da carne.
Con fondate ragioni quindi, si è giunti nei secoli a considerare queste tre razze quasi come un unico “tipo” animale, fino a coniare col termine di Vitellone Bianco dell’Appennino Centrale un nome collettivo entrato nella tradizione e nell’uso comune.

Ricette e tradizioni

La carne del Vitellone dell’Appennino centrale è ottima alla griglia, con l’aggiunta di un filo d’olio extravergine d’oliva a cottura ultimata.


Ristoranti
Screenshot_20201103_131549
MANINPASTA

Via Guido Monaco, 25 - AREZZO
Altro

ok
Trattoria Braceria Pizzeria Le Farniole

Via del Duca, 167, 52045 Farniole AR, Italia - FOIANO DELLA CHIANA
Carne, Pizzeria, Regionale, Vegetariano

image1
Ristorante Mater

Via di Camaldoli, 52, 52014 Moggiona AR, Italia - POPPI
Cacciagione, Regionale

Osteria Panta Rei
Osteria Panta Rei

Loc. la casa 71 - CHITIGNANO
Cacciagione, Carne, Pesce, Pesce, Senza glutine, Vegetariano

Piazza del Vino

via della Torretta, 18r - FIRENZE
Altro, Cacciagione, Carne, Senza glutine, Vegetariano

Botteghe
MACELLERIA BULLERI

Via Roma, 16, 56037 Peccioli PI - PECCIOLI
Carne

foto 3
LA TANA DEL FALCO PANINOTECA RISTO MACELLERIA

Via Rodolfo Manganaro, 10, 57037 Portoferraio LI, Italia - PORTOFERRAIO
Carne, Regionale

logo-cibi-tradizionali
Cibi Tradizionali

prato - PRATO

Macelleria Tozzetti

p.zza V. Veneto, 43 - SAN CASCIANO IN VAL DI PESA

Produttori
IMG_20200715_095127_500
Lungarno 23

Lungarno Torrigiani, 23, 50125 Firenze FI, Italia - FIRENZE
Carne, Regionale, Vegetariano

Agrifood Toscana Soc.

Via Senna, 1, Osmannoro, Sesto Fiorentino, FI, Italia - SESTO FIORENTINO


Categoria
Carni (e frattaglie) fresche e loro preparazioneProdotti DOP e IGP non esclusivamente toscani
Zona di produzione

L’area geografica di produzione della carne di Vitellone bianco dell’Appennino Centrale è rappresentata dal territorio delle province collocate lungo la dorsale appenninica del Centro Italia. Più precisamente la zona di produzione è rappresentata dai territori delle attuali seguenti province: Bologna, Ravenna, Forlì, Rimini, Pesaro, Ancona, Macerata, Ascoli Piceno, Teramo, Pescara, Chieti, L’Aquila, Campobasso, Isernia, Benevento, Avellino, Frosinone, Rieti, Viterbo, Terni, Perugia, Grosseto, Siena, Arezzo, Firenze, Prato, Livorno, Pisa.

Consorzio di tutela

CONSORZIO DI TUTELA DEL VITELLONE BIANCO DELL’APPENNINO CENTRALE IGP
Via delle Fascine, 4
06132 San Martino in Campo (PG)
Tel: +390756079257; Fax: +39075398511
e-mail: info@vitellonebianco.it
web: www.vitellonebianco.it