Sugo di Scottiglia alla Pescinaia


Categoria:
Condimenti;

1. Denominazione del Prodotto:
Sugo di Scottiglia alla Pescinaia

2. Sinonimi:
Scottiglia di Pescina

3. Descrizione sintetica del prodotto:
Il Sugo di Scottiglia è costituito da un misto di carni di vitello , maiale, pollo, tacchino, coniglio e, facoltativamente, agnello. La forma è quella tipica di una zuppa di carni miste, di color rosso scuro, dal sapore forte e strutturato e dal gradevole profumo.

4. Territorio interessato alla produzione:
Frazione di Pescina ,Comune di Seggiano

5. Produzione in atto:
r scomparso r a rischio r attivo

6. Descrizione dei processi di lavorazione:
Si rosolano gli aromi naturali (peperoncino, prezzemolo, cipolla, rosmarino salvia ecc.. ) nell’olio extravergine di “Olivastra Seggianese DOP”, con pezzi di carne di animali vari come tacchino, pollo, maiale, vitello, coniglio e, facoltativamente, agnello. Si aggiunge la carne macinata di manzo e si attende la fine della rosolatura indicata da una variazione cromatica tendente al marrone scuro . Si aggiunge quindi vino rosso, si fa evaporare e si unisce il pomodoro e il brodo di carne quanto basta fino a raggiungere la giusta densità per la zuppa. A questo punto ha inizio la cottura lenta e costante che va dalle 3 alle 5 ore .

7. Materiali, attrezzature e locali utilizzati per la produzione:
– Utensili da cucina
– Tegami in alluminio

8. Osservazioni sulla tradizionalità, la omogeneità della diffusione e la protrazione nel tempo delle regole produttive:
Il sugo di scottiglia era un prodotto tipico contadino di Pescina, paesino alle pendici dell’Amiata, che veniva preparato principalmente in occasione delle visite dei fattori; in tali occasioni si soleva infatti ” tirare il collo al gallo ” e preparare un gustoso sugo da aggiungere a delle fette di pane raffermo. Numerose testimonianze si raccolgono anche fra ex boscaioli: si dice infatti che fosse usanza portarsi sempre dietro il ” caldaino ” con la zuppa di carne dentro e all’ora del pasto, era comodo e veloce riscaldarla e versarla sopra due bocconi di pane, ottenendo un piatto completo e molto nutriente . Alcuni ritengono che il termine “scottiglia” derivi da carni scotte ovvero ricotte, a testimoniare forse il riciclaggio che veniva fatto di avanzi di frattaglie di giorni precedenti .

9. Produzione:
La produzione annua è di circa 1000 chilogrammi con una buona parte prodotta per autoconsumo. Il prodotto è presente nei ristoranti della zona tutto l’anno.



Categoria
Condimenti