Pesca cotogna di Rosano


Categoria:
Prodotti vegetali allo stato naturale o trasformati;

1. Denominazione del Prodotto:
Pesca cotogna di Rosano

2. Sinonimi:
Cotogna

3. Descrizione sintetica del prodotto:
La pesca cotogna di Rosano è una cultivar tardiva che si produce a settembre; ha forma tonda, buccia giallo-rossastra e polpa giallo-arancio, tendente al vinato vicino al nocciolo. È molto dolce, ha consistenza dura, profumo assai intenso,

4. Territorio interessato alla produzione:
Rosano, provincia di Firenze.

5. Produzione in atto:
r scomparso r a rischio r attivo

6. Descrizione dei processi di lavorazione:
s Autoproduzione delle barbatelle
s Utilizzo di portinnesti idonei (generalmente GF677)
s Innesto ad occhio dormiente in azienda
s Scasso ad 1 m di profondità, rippatura
s Eventuale inerbimento nell’interfila e lavorazione sulla fila
s Sesti di impianto: generalmente 4×3 m
s Irrigazione localizzata
s Concimazione generalmente in prefioritura, febbraio-marzo
s Diradamento manuale
s Difesa contro bolla, oidio, armillaria mellea e, saltuariamente, contro afidi
s Utilizzo, a fine estate, di mistorganici (1kg/pianta)
s Raccolta manuale
s Confezionamento in cassette

7. Materiali, attrezzature e locali utilizzati per la produzione:
s Barbatelle autoprodotte
s Portinnesti
s Prodotti per la concimazione
s Prodotti per la difesa
s Cassette per il confezionamento
s Cella frigorifera per lo stoccaggio

8. Osservazioni sulla tradizionalità, la omogeneità della diffusione e la protrazione nel tempo delle regole produttive:
Questa varietà è stata ottenuta casualmente a Rosano – Bagno a Ripoli (Firenze), da genealogia sconosciuta.
Talvolta è stata erroneamente identificata con la Cotogna del Berti, Cotogna di Rosano Prima e Cotogna della Remola.
Il prodotto deve la sua tradizionalità e qualità alla particolarità della cultivar: tale ecotipo locale si adatta perfettamente alle condizioni pedoclimatiche della zona, le quali contribuiscono a conferire il particolare gusto dolce al frutto. La pesca cotogna di Rosano si produce da 120 anni, è ottima per consumo fresco e per fare marmellate; è tradizionale gustarla in un bicchiere di Chianti rosso zuccherato.
Questa varietà è inserita nell’elenco per la tutale e la valorizzazione delle razze e varietà locali (L.R. n°64/04).

9. Produzione:
Sono cinque i maggiori produttori di questa pesca, a Pontassieve, in località Rosano, e a Greve in Chianti. Complessivamente ne producono circa 80-100 quintali l’anno, anche se la produzione di queste pesche è in diminuzione per la mancanza di volontà a sostituire i vecchi impianti con nuovi. La coltura non è remunerativa in relazione alle numerose cure di cui il frutto necessita, ai problemi di ordine agronomico e ai prezzi insoddisfacenti che ottiene sul mercato locale.La vendita avviene totalmente in zona: il 20% del prodotto direttamente a privati in azienda, il restante 80% a negozi locali.
È considerata la più impostante delle cotogne o almeno quella che ha contribuito al diffondersi della popolazione; è molto apprezzata per il consumo fresco sui mercati locali e nella vendita diretta presso le aziende.
La pesca cotogna di Rosano viene presentata ad una festa che si tiene la seconda domenica di settembre a Londa per la pesca regina di Londa. Da ricordare la pubblicazione “Il germoplasma del pesco – 1. Le cotogne fiorentine” a cura del prof. Elvio Bellini del Dipartimento di Ortoflorofrutticoltura della Facoltà di Agraria di Firenze, e pubblicato dall’Arsia – Regione Toscana.



Categoria
Prodotti vegetali allo stato naturale o trasformati