Pecorino stagionato in foglie di noce


Categoria:
Formaggi;

1. Denominazione del Prodotto:
Pecorino stagionato in foglie di noce

2. Sinonimi:

3. Descrizione sintetica del prodotto:
Si presenta in forme tonde a facce piane di diametro 12-16 cm, con crosta leggermente rugosa di colore beige. L’altezza dello scalzo è di 5-12 cm, la pasta è granulosa e di colore giallo paglierino con varie sfumature. Il sapore è intenso, con leggero sentore tannico e caratteristico odore di foglie di noce. Le pezzature variano fra 1 e 1,5 kg.

4. Territorio interessato alla produzione:
Provincia di Siena, principalmente nel territorio di Montefollonico.

5. Produzione in atto:
r scomparso r a rischio r attivo

6. Descrizione dei processi di lavorazione:
Si utilizza latte di pecora sarda allevata allo stato semibrado. Dopo la pastorizzazione, il latte viene filtrato e sottoposto a coagulazione (con fermenti lattici e caglio vitellino); si rompe quindi la cagliata (a chicco di mais), la si scarica negli stampi e si procede all’acidificazione e allo spurgo. Le forme vengono infine salate a secco e sottoposte a due fasi di stagionatura, la seconda delle quali ha luogo, per almeno 90 giorni, in ziri di terracotta con foglie di noce.

7. Materiali, attrezzature e locali utilizzati per la produzione:
s Recipiente per la formazione della cagliata
s Frangicagliata
s Stampi
s Locale tradizionale di lavorazione e di stagionatura
s Ziri di terracotta
s Foglie di noce

8. Osservazioni sulla tradizionalità, la omogeneità della diffusione e la protrazione nel tempo delle regole produttive:
Questo pecorino deve la propria tradizionalità all’utilizzo di latte di pecore di razza sarda, al mantenimento nel tempo dei processi produttivi e all’impiego di ziri di terracotta e di foglie di noce nella fase di stagionatura.

9. Produzione:
Questo pecorino viene prodotto da numerose aziende agricole e caseifici della provincia di Siena; il quantitativo prodotto in media ogni anno è tuttavia difficilmente stimabile (vengono lavorati circa 10.000 quintali di latte all’anno). Le vendite di questo prodotto sono effettuate nella zona di produzione, negli altri mercati della Toscana e nel resto d’Italia; una piccola parte del prodotto viene anche esportata, prevalentemente in Europa e negli Stati Uniti. I clienti abituali del prodotto sono, in genere, i negozi locali e i grossisti.Tra gli eventi legati alla valorizzazione del prodotto va senz’altro ricordata la “Fiera del Cacio” che si tiene a Pienza la prima domenica di settembre.



Categoria
Formaggi


botteghe correlate

IL GRANAIO DI GABRIELLO

VIA CAMPO DEI FIORI, 1 - SARTEANO

Servizio a domicilio
Enoteca Grotta del Brunello

COSTA DI PIAZZA GARIBALDI,3 - MONTALCINO

Monaci Remo Srl Prodotti Tipici

Via Piccolomini, 2 - PIENZA

Servizio a domicilio

produttori correlati

SOC. AGR. BAGNOLO DEI F.LLI MULAS E ARMELLINI ERNELLO s.s.
SOC. AGR. BAGNOLO DEI F.LLI MULAS E ARMELLINI ERNELLO s.s.

Podere San Polo, 53020 Trequanda SI - TREQUANDA