Panficato dell’Isola del Giglio


Categoria:
Paste fresche e prodotti della panetteria, della biscotteria, della pasticceria e della confetteria;

1. Denominazione del Prodotto:
Panficato dell`Isola del Giglio

2. Sinonimi:

3. Descrizione sintetica del prodotto:
Il panficato è una pagnotta dolce, di colore bruno, fatta con fichi secchi neri o neruccioli e le noci dell’Isola del Giglio. È abbastanza morbido, le pezzature sono di 400 grammi. Si produce da Natale a Pasqua.

4. Territorio interessato alla produzione:
Isola del Giglio, provincia di Grosseto.

5. Produzione in atto:
r scomparso r a rischio r attivo

6. Descrizione dei processi di lavorazione:
I fichi vengono bagnati con il vino in cui vengono lasciati per un giorno intero; quando sono impregnati e morbidi, vengono sminuzzati ed impastati con le mandorle, uva secca, pezzetti di mele cotte o di altri frutti a seconda della stagione, scaglie di cioccolato ed anche del miele.
Dall’impasto vengono preparate delle pagnotte che vengono cotte in forno. Per la preparazione occorrono due giorni.

7. Materiali, attrezzature e locali utilizzati per la produzione:
s Locale di lavorazione
s Utensili da cucina
s Forno

8. Osservazioni sulla tradizionalità, la omogeneità della diffusione e la protrazione nel tempo delle regole produttive:
Il panficato nasce a Giglio Castello, il borgo fortificato dell’isola, utilizzando i frutti più comuni dell’isola come i fichi, scuri e piccoli, le mandorle e l’uva dolce seccata al sole. Nel 1544 il pirata Cair Heddin, detto il Barbarossa, saccheggiò il Giglio, uccise chi gli si opponeva e deportò come schiavi ben 700 gigliesi. In seguito a questa sanguinosa incursione, la famiglia dei Medici decise di ripopolare il Giglio con gente proveniente anche dalle terre di Siena; ed è forse dovuta a questa immigrazione forzata la tradizione del panficato del giglio che per sapore e consistenza ricorda un panforte ma che venne preparato con quello che l’isola offriva. Al posto del vino, nella ricetta originaria si trovava la vinella ottenuta dai raspi bagnati con l’acqua e lasciati a fermentare, mentre il vino non era utilizzato perché bene prezioso di scambio. Il miele ed il cioccolato erano ingredienti che venivano aggiunti solo occasionalmente se la famiglia poteva permetterselo.
Per rendere l’impasto più consistente e corposo veniva aggiunta un po’ di pasta di pane.

9. Produzione:
Il panficato viene prodotto in ambito familiare, destinato quindi all’autoconsumo, da Natale a Pasqua, e presso il bar – pasticceria dell’isola. Da non confondere con il pandolce, che si fa tutto l’anno, un po’ in tutta la Toscana, usando altre varietà di fichi. Si consuma accompagnato con Passito del Giglio o Ansonica.



Categoria
Paste fresche e prodotti della panetteria, della biscotteria, della pasticceria e della confetteria


ristoranti correlati

I Briganti del Parco

via del bersagliere - GROSSETO
Cacciagione, Carne, Pesce, Vegetariano

botteghe correlate

hp3
PASTICCERIA L’ORCHIDEA

Viale Australia, 6, 57031 Capoliveri LI, Italia - CAPOLIVERI