- Vetrina Toscana - https://www.vetrina.toscana.it -

Mirtillo nero della Montagna Pistoiese

Il Mirtillo nero della Montagna Pistoiese è conosciuto anche come “piuro” ed è ideale per fare marmellate e arricchire crostate.

Descrizione del prodotto

Il mirtillo (Vaccinium myrtillus) è un piccolo arbusto spontaneo di circa 30-60 cm di altezza, con foglie caduche, verdi, con bordo seghettato; produce delle bacche subsferiche con diametro di 6-10 mm, di colorazione scura, bluastra. Le bacche hanno un contenuto succoso, violaceo, con un gradevolissimo sapore dolciastro, sono aromatiche e rinfrescanti.

Il periodo di maturazione varia con le altitudini e l’esposizione; è comunque compreso tra la fine di luglio e settembre. Il botanico Sandro Pignatti segnala l’eccezionalità delle dimensioni che questo arbusto, così come le sue foglie e le bacche, possono raggiungere nell’Appennino Pistoiese, grazie alle condizioni climatico-ecologiche particolarmente favorevoli.

Cenni storici

Il mirtillo caratterizza il sottobosco delle foreste di alta quota a suolo acido della Montagna Pistoiese e soprattutto domina le brughiere extrasilvatiche, al di sopra della vegetazione bo­schiva. Rappresenta da sempre un’importante risorsa della Montagna Pistoiese per l’abbondanza della produttività, per la qualità del prodotto, conosciuto e apprezzato in tutta Italia e per la duttilità del suo impiego.
Il mirtillo era considerato curativo per gli occhi e la circolazione, disintossicante per l’intestino.
Mentre per i frutti del sottobosco la raccolta è legata tradizionalmente alle donne quella del mirtillo viene fatta storicamente sia da uomini che da donne, spesso soprattutto da uomini, dato il peso della “gerla” (ovvero la cesta utilizzata per la raccolta) piena.
Una volta la raccolta del mirtillo era una delle fonti di reddito principali delle famiglie della montagna.

Ricette e tradizioni

Il mirtillo, conosciuto con il nome dialettale di piuro, viene raccolto e apprezzato per le notevoli qualità organolettiche e per la sua versatilità di utilizzo. Oltre alla consumazione del prodotto fresco, con le bacche si preparano marmellate prodotte in maniera tradizionale con i frutti cotti e aggiunta di zucchero, e ancora sciroppi preparati in soluzioni acquose con zucchero e aggiunta di succo di mirtillo nero, puro succo di mirtillo, frutta sciroppata, grappe aromatizzate al mirtillo e il mirtillino, un liquore a base di grappa con succo e frutti di mirtillo nero.

 

Foto di Tuscany Mountain [1]

Categoria
Prodotti vegetali allo stato naturale o trasformati
Zona di produzione

Montagna Pistoiese, provincia di Pistoia.