- Vetrina Toscana - https://www.vetrina.toscana.it -

Mela casciana

La Mela casciana (anche conosciuta come Rosetta e Rosina) si produce dall’inizio del XX secolo ed è molto diffusa nella provincia di Lucca.

Descrizione del prodotto

La mela casciana ha una forma rotondeggiante ma schiacciata; a maturazione è rossa con striature verde-giallo. È molto profumata, il sapore è dolce ma un pò acidulo, è compatta, non farinosa. La pezzatura è medio piccola.

Cenni storici

Presente da tempi remoti in Garfagnana, la mela casciana è di origine sconosciuta. Il nome deriva, forse, dal paese di cascina, in comune di Camporgiano. Fino alla seconda guerra mondiale era diffusissima su tutto il territorio della Garfagnana e non v’era podere, seppur piccolissimo, che ne fosse privo.
Il prodotto deve la sua tradizionalità e qualità sia alla particolarità della cultivar, che si adatta perfettamente alle condizioni pedoclimatiche della zona, sia alla tecnica di produzione rimasta invariata nel tempo. L’approvvigionamento delle piantine avviene dal vivaio, al quale vengono precedentemente consegnate le marze dell’azienda, mantenendo così il patrimonio genetico autoctono della specie. La mela ha una forma particolare, tonda e schiacciata, ed è più servabile di altre cultivar. In passato la pianta poteva essere alta fino a 10 metri, oggi, invece, risulta più bassa per l’utilizzo di portinnesti nanizzanti. Si produce dall’inizio del Novecento. Fino a qualche anno fa le mele venivano conservate in cantine fresche per evitare l’insorgenza di marciumi e facilitare così il mantenimento; i frutti erano disposti direttamente sul pavimento in un unico strato.

Ricette e tradizioni

La mela casciana viene consumata come frutta fresca; può essere cotta al forno o entrare come ingrediente nelle torte.

Categoria
Prodotti vegetali allo stato naturale o trasformati
Zona di produzione

Tutto il territorio della Garfagnana, provincia di Lucca.