mercoledì 8 maggio 2019


Dal 2 al 5 maggio si è tenuta a Pistoia la sesta edizione de La Toscana in Bocca 2019 che ha reso protagonisti chef, ospiti e piatti stellati. Ad aggiudicarsi il miglior piatto è, per la prima volta, un dessert: le Pesche di Prato della pasticceria Nuovo Mondo (PO) che ha fatto il proprio ingresso quest’anno in manifestazione, seguite dalle Lasagnette alla viareggina del Ristorante La Furba di Poggio a Caiano (PO) e dagli Gnudi di Pappa al Pomodoro Gluten Free del Ristorante La Quercia di Castelletti di Signa (FI), alla sua prima partecipazione.

Si è tenuto anche il Contest fra i ristoratori de La Toscana in Bocca, la tradizionale sfida che quest’hanno ha avuto come prodotto protagonista il Pecorino Toscano DOP, in collaborazione con il Consorzio del Pecorino Toscano DOP e Unione Regionale Cuochi Toscani. A vincere sono stati gli Gnocchi di patate con pera fresca, pinoli e pomodorini secchi su fonduta di pecorino e polvere di liquirizia del Ristorante Apperò di Pistoia a conquistare la giuria.

La volontà di rendere La Toscana in Bocca un appuntamento sempre più di richiamo per il mondo dell’enogastronomia, includendo e ospitando nomi illustri della cucina regionale, risulta ancora più evidente guardando il programma dell’ultima edizione, condotto e realizzato in collaborazione con Simone Gai. In tanti hanno voluto degustare i piatti preparati sul palco dai quattro Chef Stellati toscani ospiti della manifestazione – Marco Stabile dell’Ora d’Aria di Firenze, Marco Cahssai del Ristorante Atman di Lamporecchio (PT), Silvia Baracchi del Falconiere di Cortona (AR), Maria Probst della Tenda Rossa di San Casciano in Val di Pesa (FI) – devolvendo il proprio contributo a sostegno della Fondazione Firenze Radioterapia Oncologica.
E lo stesso è successo con Paolo Sacchetti, tre torte Gambero Rosso, Manuel Maiorano, Pizzaiolo Stellato del Voronoi di Pistoia e Lorenzo Dani del Ristorante Pepe Nero di Prato eletto fra i migliori 8 Pastry Chef del centro-sud Italia dal Gambero Rosso.

Cattedrale piena e pioggia di applausi per l’ospite d’onore dell’edizione 2019, Benedetta Parodi: la famosa conduttrice televisiva è salita sul palco rispondendo alle domande di Simone Gai e ha concesso ai suoi fans foto e autografi.

Evidente riscontro è stato ottenuto dalla degustazione del Pecorino Toscano DOP e dalle masterclass organizzate da AIS Delegazione Pistoia, oltre al grande richiamo suscitato dal Tuscany Negroni Contest organizzato da ZONA in collaborazione con Voronoi, Michi Bistrot e Il Giardino del Vinaino, al quale hanno partecipato barman anche da fuori regione. Successo confermato per i laboratori dei Piccoli Chef a cura di Wonderpark – in collaborazione con Mukki, Federcarni Pistoia e Associazione Italiana Celiachia – che hanno registrato il tutto esaurito.

Esperimento riuscito per il giardino a cura di Piante Mati che nei giorni di bel tempo ha attratto numerose persone che hanno apprezzato il lato verde della manifestazione. L’intento è, quindi, quello di ampliare lo spazio e renderlo ancora più accogliente fin dal prossimo anno. Indispensabile la collaborazione con l’Istituto Alberghiero Martini di Montecatini Terme e con gli studenti che hanno prestato servizio alla manifestazione in termini di accoglienza e assistenza, permettendo il suo regolare svolgimento.

La Toscana in Bocca che guarda già al 2020 con nuovi progetti e, per prima cosa, nuove date: dal 23 al 26 aprile.


LO SPETTACOLO DEL GUSTO TRIONFA A LA TOSCANA IN BOCCA 2019

Potrebbe interessarti