venerdì 14 Giugno 2024


Torna Il festival dell’enogastronomia pratese organizzato da Confesercenti Prato nell’ambito del calendario di Vetrina Toscana

Degustazioni di vino e prodotti tipici il 1 e 2 Luglio nei chiostri di San Domenico, di Sant’Agostino e dello Spirito Santo.

Due le principali novità. L’inserimento nel percorso del Chiostro della Chiesa dello Spirito Santo. Uno scrigno contenente pregevoli dipinti tra cui la Presentazione al tempio (1468) di Filippo Lippi, l’Annunciazione (1370 circa) di Jacopo di Cione, e la Madonna col Bambino, Sant’Anna e santi (1530 circa),  di Michele Tosini e Ridolfo Ghirlandaio.

Fa il proprio debutto nella manifestazione un ristorante di cucina cinese. Sarà infatti presente il ristorante Ravioli di Cristina che proporrà un piatto tipico della tradizione enogastronomica cinese. La presenza per la prima volta di un ristorante cinese vuol essere un primo passo per una rappresentazione più completa dell’enogastronomia pratese che oramai conta innumerevoli ristoranti di origine etnica che rendono il panorama della ristorazione cittadina unico in Toscana ed Italia.

L’evento – dichiara il Presidente Provinciale di Confesercenti Prato Stefano Bonfanti – vuole essere l’anello di congiunzione tra turismo e tradizioni del nostro territorio. Confesercenti Prato ha deciso di riproporre anche per il 2024  la manifestazione che negli ultimi anni ha avito un notevole  successo. Abbiamo lavorato per trasformarla in un’attrattiva non solo per Prato , ma per l’intera area metropolitana. Il turismo, infatti, ha cambiato completamente volto nel corso degli ultimi anni e l’enogastronomia è divenuta un richiamo non da poco per i viaggiatori. Sono diverse le città che si sono adeguate a questo trend ripensando le proprie strategie di promozione del territorio, creando vie e itinerari del gusto, dando vita a festival gastronomici che fanno da raccordo fra appassionati e produttori. Abbinare l’enogastronomia all’arte e al turismo è sicuramente una formula vincente e la nostra provincia, cosi come tutta la Toscana , è ricca di prodotti tipici e di tradizioni gastronomiche. Tutelare e promuovere questi prodotti è sicuramente uno dei compiti di ogni imprenditore locale dal punto di vista agricolo, industriale, commerciale nonché turistico.

Questa nuova edizione – sottolinea Renzo Bellandi Presidente dei ristoratori aderenti a Confesercenti Prato – vuole essere un percorso capace di regalare emozioni al pubblico e alle aziende coinvolte. Un appuntamento che raggrupperà i i ristoranti ed loro chef i in un vero e proprio villaggio del gusto nel centro storico  di Prato per tutti gli appassionati dell’enogastronomia e non solo. “Cibo e vino – prosegue Bellandi  – hanno ormai abbandonato la veste di meri prodotti alimentari, divenendo interpreti e massima espressione del territorio, delle comunità che ci vivono, del rapporto uomo-natura. Non più semplici comparse ma veri protagonisti nella ricerca del gusto. Particolarmente significativa la presenza per la prima

volta di un collega che gestisce un ristorante cinese.  Da più di trenta anni  la cucina cinese ha iniziato a farsi strada anche a Prato dove ormai rappresenta un mercato alimentare specializzato piuttosto sviluppato.

La diversità è la chiave di successo di questo tipo di ristorazione. Saper regalare ai propri clienti un pasto speciale che resti impresso nella memoria gustativa.

Oramai anche nella nostra città la generica cucina cinese in locali dozzinali e poco curati sta lasciando il posto a veri e propri ristoranti con un grande e positivo apprezzamento della clientela.

Da Chiostro a Chiostro – ha concluso Bonfanti è un evento di eccellenza che rappresenta al tempo stesso un’esperienza e una vetrina”. Per il presidente la manifestazione è “prima di tutto è un’occasione imperdibile per assaggiare piatti e vini squisiti della tavola pratese e toscana  in una vera e propria galleria di sapori, tra tradizione e innovazione, grazie alle  occasioni proposte dai  ristoranti presenti “.

Secondo Toscana Promozione Turistica:“Scoprire attraverso il cibo, veri e propri gioielli di architettura e arte religiosa è un bel modo per valorizzare la cucina e i prodotti locali: proprio nello spirito di “Vetrina Toscana”, il progetto della Regione che promuove il turismo enogastronomico.”

Da Chiostro a Chiostro 2024 è promossa da Confesercenti Prato e si inserisce nel programma degli eventi di Eat-Prato, a seguito dell’accordo quadro con il Comune di Prato, oltre che di Vetrina Toscana, il progetto della Regione in collaborazione con Unioncamere Toscana, con l’obiettivo comune di promuovere e valorizzare le produzioni enogastronomiche di qualità del territorio e di consolidarne la vocazione turistica. Un ringraziamento particolare alla Curia che ci ha permesso di realizzare questa iniziativa in location esclusive ed inoltre a chi ha creduto nell’iniziativa, i nostri sponsor  Estra, Publiacqua, Chianti Banca

INGRESSO LIBERO

Le consumazioni sono acquistabili tramite token presso le casse dei Chiostri durante le serate oppure presso la nostra sede in via Pomeria 71/B a Prato durante gli orari di apertura.

E’ possibile acquistare sia piatti singoli (antipasti, primi, secondi, dolci, bevute) che pacchetti al prezzo indicato nel menù. 




Potrebbe interessarti