Carciofo di San Miniato


Category:
Prodotti vegetali allo stato naturale o trasformati;

1. Product name:
Carciofo di San Miniato

2. Other names:
Carciofo Sanminiatese, Mamma Sanminiatese

3. Short product description:
Carciofo di forma tondeggiante/globosa, senza spine, di colore verde chiaro tendente allo scuro nella parte apicale delle foglie; il capolino, a maturazione, è di dimensioni medio-grandi (diametro di circa 8/9cm), di forma globosa e senza spine, mentre l’ infiorescenza apicale (chiamata “mamma”) presenta dimensioni ragguardevolmente piu’ grandi e colore viola.
L’altezza della pianta può andare oltre 1,3 mt, le foglie sono regolari e presenta una vegetazione folta.
Per quanto riguarda le caratteristiche organolettiche, il prodotto si presenta carnoso e di estrema morbidezza, è caratterizzato per la buona compattezza alla giusta maturazione. Il gusto è sapido, molto tannico e leggermente astringente, molto persistente e intenso. Una volta cucinato si esaltano le sue caratteristiche di sapidità e di morbidezza.

4. Production area:
Zona esclusivamente collinare dei comuni di San Miniato, Montopoli e Palaia.

5. Production status:
r disappeared r at risk r active

6. Production process:
Allo scasso di media profondità nel periodo primaverile antecedente la data di impianto, segue una concimazione di fondo con concime organico (stallatico). Dopo l’ erpicatura e il livellamento del terreno a fine agosto – primi di settembre, segue l’impianto dei carducci con un sesto di impianto di 1 metro sulla fila e 1.50/2.00 metri tra le file. A fine gennaio vengono praticate sarchiatura, rincalzatura e una leggera concimazione fogliare di mantenimento; in primavera viene fatta una scardonatura e ad aprile-maggio si effettua la raccolta dei capolini. Ad agosto viene tagliata la ceppa a livello del terreno, quindi ad ottobre si procede con la scardonatura per recuperare i cardoni migliori per il rinnovo degli impianti. Le regole produttive sono riproducibili all’infinito, in quanto il rinnovo dei cardoni avviene annualmente su una percentuale dell’impianto (circa il 30%).

7. Materials, equipment and premises used for production:

8. Osservazioni sulla tradizionalità, la omogeneità della diffusione e la protrazione nel tempo delle regole produttive:
Da memorie storiche e cartografiche risulta che sin dall’ottocento, la maggior parte delle piagge a solativo di San Miniato erano coltivate a carciofo Sanminiatese conosciuto per le sue caratteristiche organolettiche. Al mercato ortofrutticolo di Empoli il carciofo sanminiatese è sempre stato apprezzato e acquistato per la sua adattabilità in cucina. Caratteristica dovuta al fatto di essere coltivato su terreni di origine pliocenica che trasmettevano al carciofo queste particolari doti organolettiche.

9. Production:
Fino al 1950 il Carciofo Sanminiatese era prodotto in grandi quantità su tutto il territorio del Comune di San Miniato e veniva venduto ai principali mercati ortofrutticoli italiani. Anche se con gli anni la produzione ha subito una diminuzione, è tutt’oggi ritenuto uno dei migliori carciofi in produzione nella nostra regione.
Le aziende che lo producono sono 6 per un totale annuo di circa 10 quintali. Il prodotto viene venduto in zona per una buona metà, la restante parte va nei mercati regionali (30%) e fuori regione (20%). La vendita avviene prevalentemente a privati direttamente in azienda, ma si ha una buona percentuale anche di conferimento a negozi locali ed a ristoranti della zona.
Fra le mostre e le manifestazioni ricordiamo:
Giornata del Sarciofo Sanminiatese 7/8 maggio – San Miniato
Mercato del Gusto (Vetrina Toscana) giugno/luglio
E’ stata redatta una pubblicazione dal titoli “Guida dei Prodotti Tipici Locali” di Benedetto Squicciarini, edito da Comune di San Miniato.
Per la promozione e valorizzazione del carciofo è attiva l’Associazione “Colli di San Miniato”.


Categoria
Vegetable products, fresh or processed
Zona di produzione

Zona esclusivamente collinare dei comuni di San Miniato, Montopoli e Palaia.