venerdì 29 novembre 2019


Il gusto delle ricette toscane, l’eccellenza della ristorazione pistoiese, un’atmosfera suggestiva e tanta voglia di donare sono stati gli ingredienti vincenti per la seconda edizione de La Cena di Gala firmata La Toscana in BoccaÈ di 8.280 euro il ricavato raccolto dall’evento benefico che sposa il gusto dei sapori del territorio a favore di Fondazione Firenze Radioterapia Oncologica e promossa da Vetrina Toscana in collaborazione con il gruppo di ristoratori di Pistoia de La Toscana in Bocca aderenti al circuito di Vetrina Toscana e Confcommercio Pistoia e Prato.

Nemmeno un posto libero nella Serra Crystal di Toscana Fair grazie alle autorità locali e regionali, istituzioni e imprenditori che partecipato alla cena contribuendo a creare un clima all’insegna dell’allegria e della solidarietà.

Ospite d’onore della serata – condotta da Simone Gai – il testimonial della Fondazione Firenze Radioterapia Oncologica, il macellaio fiorentino Dario Cecchini, noto in tutto il mondo con la propria attività, dove porta avanti una tradizione familiare che dura più di 250 anni. Un ulteriore segnale che ha voluto rafforzare il legame fra la cucina e toscana e la solidarietà.

Al centro della scena è stato il menù dai sapori tipicamente toscani, con i piatti preparati dai ristoratori pistoiesi de La Toscana in Bocca aderenti a Vetrina Toscana, i quali hanno saputo far vivere ai partecipanti un viaggio fra i gusti della tradizione rivisitati dagli stessi chef.

Dall’aperitivo toscano a cura dell’Associazione Cuochi Montecatini Terme Pistoia accompagnato dai drink di Voronoi e Michi Bistrò, all’entreè di Valerio Ricevimenti di Quarrata fino all’antipasto a base di prodotti a chilometro zero di Toscana Fair di Pistoia: un tripudio di sapori che hanno esaltato il territorio regionale e le sue eccellenze. I primi piatti sono stati preparati da Le Forri di Pistoia e Il Rifugio della Saida di Cutigliano che ha spianato a mano oltre mille tortelli. La Locanda la Bussola da Gino di Quarrata e La Bettola di Pistoia si sono occupati dei secondi seguendo la più gustosa storia culinaria locale. Ciliegina sulla torta, il dolce presentato da Il Taba Dolce di Latte di Pistoia.

Il servizio dei vini – forniti da cantine provenienti prevalentemente dal territorio regionale: Cantina della Volta, Dalle Nostre Mani, I Veroni – è stato a cura dei sommelier di AIS Delegazione di Pistoia.

A completare il tutto il pane e i cantucci del forno Fratelli Lunardi di Quarrata e il caffè di Moka j-Enne.

La Toscana in Bocca – rassegna di cucina e tradizione toscana che ogni anno richiama a Pistoia personalità di spicco dell’enogastronomia regionale e che si sta preparando alla settima edizione – ha quindi cambiato vesti per una sera realizzando una proposta di alto livello per una serata di gran classe, ed esaltando i prodotti del territorio regionale forniti da Zona che conferma il proprio legame con la manifestazione.


Cena di gala de La Toscana in Bocca

Potrebbe interessarti