martedì 7 Dicembre 2021


E’ fissata per venerdì 10 dicembre a Chiusi la prima tappa di ‘Chianina in tavola in tour’, che prevede quattro cene incontro dedicate alla valorizzazione della carne di razza Chianina e al suo legame con il territorio di origine. L’iniziativa, di cui il Consorzio Tutela Vitellone Bianco dell’Appennino Centrale IGP è partner principale, si svolgerà in quattro ristoranti tra le province di Siena e Arezzo con quattro chef dell’Unione Regionale Cuochi Toscani – Katia Maccari, Emiliano Rossi, Walter Redaelli e Lorenzo Pisini – che, in ogni serata, lavoreranno fianco a fianco per preparare piatti a base di Chianina. 

Prima cena a Chiusi. La cena di venerdì 10 dicembre si svolgerà alle ore 20 presso il ristorante ‘I Salotti del Patriarca’ a Chiusi, che dal 2005 si fregia di 1 Stella Michelin. In cucina, oltre a Katia Maccari, chef e anima del Ristorante, ci saranno Emiliano Rossi, Walter Redaelli e Lorenzo Pisini che proporranno un menù composto da quattro portate: Geometria di lingua di Chianina; Fusilloni “Pasta Panarese” con ragù di Chianina in bianco, crema di porri, carciofi e ricotta affumicata; Tortelloni di Chianina su salsa di cipolla rossa e Guancia di Chianina glassata con polenta al pan pepato. Ad accompagnare le portate saranno i vini delle cantine del Consorzio del vino Orcia, scelti e presentati da Fisar Delegazione Valdichiana. La cena si concluderà con il Tiramisù e la degustazione di grappe e liquori a cura di Distilleria Deta

Info e prenotazioni. La cena è su prenotazione obbligatoria, con obbligo di Green Pass, chiamando il numero 0578-274407 oppure inviando una mail a info@ilpatriarca.it

“Chianina in tavola in tour” è organizzata dall’Associazione Amici della Chianina con la collaborazione del Consorzio Tutela Vitellone Bianco dell’Appennino Centrale IGP, l’Unione Regionale Cuochi Toscani, l’Associazione Cuochi Senesi, l’Associazione Cuochi Arezzo, la delegazione Valdichiana di FISAR, Federazione Italiana Sommelier Albergatori e Ristoratori, la delegazione di Arezzo di AIS, Associazione Italiana Sommelier Toscana e con il patrocinio del Comune di Sinalunga.




Potrebbe interessarti