Pesca regina di Londa


Categoria:
Prodotti vegetali allo stato naturale o trasformati;

1. Denominazione del Prodotto:
Pesca regina di Londa

2. Sinonimi:
Regina d’Autunno; Tardiva di Londa

3. Descrizione sintetica del prodotto:
La pesca regina di Londa è una cultivar a pasta bianca, con buccia di color bianco sporco e striature rossastre. Dolcissima, ha un profumo forte e penetrante e consistenza molto dura. La pezzatura si aggira sui 250-300 grammi. Si produce a settembre-ottobre.

4. Territorio interessato alla produzione:
Londa (provincia di Firenze), Valdarno fiorentino e aretino, province di Arezzo e Firenze.

5. Produzione in atto:
r scomparso r a rischio r attivo

6. Descrizione dei processi di lavorazione:
s Acquisto di astoni
s Preparazione del terreno: fresatura
s Sesti di impianto: generalmente 5×3 metri
s Lotta fitosanitaria per le principali malattie
s Raccolta manuale
s Stoccaggio (in parte) in cella frigorifera a 2°C, per massimo un mese

7. Materiali, attrezzature e locali utilizzati per la produzione:
s Astoni
s Prodotti per la lotta fitosanitaria
s Cella frigorifera per lo stoccaggio

8. Osservazioni sulla tradizionalità, la omogeneità della diffusione e la protrazione nel tempo delle regole produttive:
La tradizionalità della pesca regina di Londa è dovuta all’importanza della cultivar che si produce in zona da almeno 50 anni. Molto dolce, ben si presta ad essere usata per marmellate. La gente del luogo tuttavia afferma che l’impiego migliore è quello di gustarla fresca. Questa pesca, originaria di Londa, località nei pressi della Rufina (FI), viene tuttora commercializzata per il suo sapore e per la maturazione tardiva.
Questa varietà è inserita nell’elenco per la tutale e la valorizzazione delle razze e varietà locali (L.R. n°64/04).

9. Produzione:
La pesca regina di Londa viene prodotta in circa dieci aziende situate nei comuni di Londa, Tavarnelle (San Donato in Poggio), Scarperia (località Crocioni e Sant’Agata), Vicchio e Dicomano.La produzione è di circa 1000 quintali l’anno, anche se negli ultimi anni la produzione ha risentito delle avverse condizioni meteorologiche. Non si riscontra un trend in crescita.La vendita avviene prevalentemente alla grande distribuzione (Coop) e al Mercafir.La seconda domenica di settembre si tiene a Londa la Festa della regina di Londa durante la quale viene premiata, da una giuria composta da esperti, docenti universitari ecc., la
migliore cassetta di pesche regina di Londa. Nell’occasione la giuria si esprime anche su altre varietà locali di pesche (burrone e cotogne fiorentine).
In provincia di Arezzo ci sono altri tre-quattro produttori di pesca regina di Londa che producono circa 25-30 quintali l’anno. La vendita avviene sia nei mercati locali che nella provincia di Firenze.Maggiori informazioni su questa pesca si trovano nel volume “Il germoplasma del pesco – 2. Le burrone fiorentine” a cura del prof. Elvio Bellini del Dipartimento di Ortoflorofrutticoltura della Facoltà di Agraria di Firenze, pubblicato dall’Arsia-Regione Toscana.




Potrebbe interessarti