Aggiungi filtri alla ricerca:

Rimuovi tutti

Lardo di Colonnata IGP


Secondo alcuni, Colonnata trae il nome dalla presenza di una colonia di schiavi impiegati dai romani nelle cave di marmo. Non è escluso che risalga proprio all’epoca della dominazione romana l’introduzione sul posto delle metodologie di conservazione delle carni di maiale. È del resto accertato che i romani conoscevano fino in fondo il ruolo importante rivestito dal lardo nella dieta specialmente di coloro che erano sottoposti a lavori pesanti. Gli stessi legionari ricevevano, come ci attesta il Codice Giustiniano, una razione di lardo ogni tre giorni. La migliore qualità del materiale rinvenibile in loco non poteva non favorire, accanto a quella architettonica o artistica, una utilizzazione più larga e diffusa di tipo manifatturiero, riferita cioè agli oggetti legati alla vita quotidiana come i mortai per la pesta del sale e le famose pile di marmo, ribattezzate localmente ‘conche’, destinate alla conservazione del lardo. In generale, le fonti ci dicono che anche in epoca longobarda la lavorazione del maiale ricevette un forte impulso. Per quanto sia difficile stabilire con certezza se la tradizione locale di conservare il lardo nelle conche di marmo abbia avuto origine celtica, romana, longobarda oppure risalga all’epoca dei comuni, non vi è dubbio che essa è antica e consolidata. Ciò è dimostrato, tra l’altro, dal fatto che sono state rinvenute in paese conche di marmo per la stagionatura del lardo con datazioni dei secoli XVII, XVIII e XIX. È altresì significativo che sulla facciata di alcuni edifici siano visibili dei bassorilievi dell’800 rappresentanti S. Antonio Abate, un eremita vissuto fra il III e il IV secolo, al quale fin dall’XI secolo è stata attribuita la fama di guaritore del ‘fuoco sacro’ o ‘fuoco di S. Antonio’, denominazione popolare dell’herpes zoster. Le applicazioni di lardo sulla pelle hanno costituito per secoli l’unico rimedio del male ritenuto efficace. Per questo, è molto diffusa la rappresentazione di un maiale accanto alla figura del Santo. Inoltre non sembra essere certo un dettaglio che la chiesa parrocchiale sia dedicata a S. Bartolomeo, il patrono dei macellai, e che da molti anni si tenga, in coincidenza con la festa del Santo, una sagra del lardo, che attira numerosi visitatori ed estimatori da diverse parti d’Italia e dall’estero. La produzione, il consumo e, per estensione, la cultura del lardo a Colonnata sono stati, comunque, sempre legati al lavoro e alla vita dei cavatori. Per la produzione del lardo di Colonnata vengono utilizzati tagli corrispondenti allo strato adiposo che ricopre il dorso dalla regione occipitale fino alle natiche e che lateralmente arriva fino alla pancetta. Le principali caratteristiche del prodotto sono la forma indicativamente rettangolare, lo spessore non inferiore a 3 cm, l’aspetto esterno contraddistinto da una parte inferiore con la cotenna e da una superiore ricoperta dal sale di stagionatura reso scuro dalle piante aromatiche e dalle spezie; può essere presente una striscia di magro. Nel complesso il prodotto appare umido, di consistenza omogenea e morbida, di colore bianco, leggermente rosato o vagamente brunito. Il profumo è fragrante e ricco di aromi, il sapore è delicato e fresco, quasi dolce, finemente sapido se proveniente dalla zona delle natiche, arricchito dalle erbe aromatiche e dalle spezie usate nella lavorazione.




Ristoranti

Ristorante Da Brontolo

Via Provinciale lucchese, 127 - SERRAVALLE PISTOIESE
Altro, Cacciagione, Carne, Pesce, Senza glutine, Vegetariano

RISTORANTE DA DELFINA

Via della Chiesa, 1 - CARMIGNANO
Cacciagione, Carne, Vegetariano

La Limonaia di Villa Rospigliosi

via Firenze, 83 - PRATO
Carne, Pesce, Vegetariano

Logli Mario

via di Carteano 1 - PRATO
Carne

Il Pallaio

via Damiano Chiesa, 2 - FIRENZE
Cacciagione, Carne, Pesce, Senza glutine, Vegetariano

vedi tuttinascondi

Botteghe

Antica Macelleria Cafarelli

Via del Mercato 5 - CARRARA

ENOTECA LA TORRICELLA

VIA AURELIA KM 125+500 - CAPALBIO

VolaTerrA

Via Turazza, 5/7 - VOLTERRA

Dispensa per tutti

via della libertà 45 - CHIANCIANO TERME

Gastronomia Da que’ ragazzi

Via Filicaia, 6/8 - PRATO

vedi tuttinascondi

Potrebbe interessarti