Fagiolo stortino di Lucca


Categoria:
Prodotti vegetali allo stato naturale o trasformati;

1. Denominazione del Prodotto:
Fagiolo stortino di Lucca

2. Sinonimi:
Anellino giallo di Lucca

3. Descrizione sintetica del prodotto:
La pianta ha crescita indeterminata e maturazione scalare; è un rampicante notevolmente vigoroso e molto produttivo. Il baccello a maturazione si presenta, nel momento più idoneo alla raccolta, di colore giallo crema e di forma semicircolare (ricurvo); la dimensione del baccello è circa cm 2,5-3 di diametro e circa 5-6 cm di lunghezza. Il seme, a differenza di altri fagioli Anellini è di colore nero (gli altri solitamente hanno colore marrone o screziato); è piuttosto grande, circa 2 x 3 cm, ha forma ovale ed è leggermente schiacciato. Il fagiolo è consumato come legume fresco a baccello intero, prima che i fagioli giungano a maturità (data l’assenza quasi assoluta di filamenti coriacei nelle zone di sutura del seme: fagiolo “senza filo”).

4. Territorio interessato alla produzione:
Si produce in Piana di Lucca e in misura minore in Versilia

5. Produzione in atto:
r scomparso r a rischio r attivo

6. Descrizione dei processi di lavorazione:
La semina viene effettuata dopo le normali operazioni di preparazione del terreno, aratura leggera (25 – 30 cm) seguita da una erpicatura attraverso la quale si effettua l’interramento del fertilizzante, utilizzando concimi a più alto titolo di fosforo e potassio integrati con modeste quantità di concimi azotati; in particolare la pianta risulta particolarmente sensibile all’eccesso di azoto che si manifesta con un eccesso di vigoria e conseguente scarsa fioritura e allegagione.Generalmente si semina molto fitto per poi effettuare un dirado manuale per ottenere un sesto d’impianto di circa 40 cm sulla fila, e di 1,5 metro fra le file.Le irrigazioni vengono effettuate regolarmente senza eccedere nelle quantità somministrate (circa 1 volta la settimana).Il fagiolo stortino entra in produzione più precocemente e la raccolta dura più a lungo che negli altri fagioli. La semina si effettua ai primi di aprile per iniziare la raccolta dopo circa 60-70 giorni.La raccolta viene effettata a mano e sono necessari da 6 a 8 passaggi per completarla. E’ importante raccogliere il prodotto quando il baccello assume la caratteristica colorazione giallo crema perché, ritardandola si favorirebbe la formazione del cosiddetto “filo” tanto da far perdere al prodotto le sue ottime caratteristiche organolettiche. La produzione è di circa 50 q.li di prodotto fresco a ettaro.

7. Materiali, attrezzature e locali utilizzati per la produzione:

8. Osservazioni sulla tradizionalità, la omogeneità della diffusione e la protrazione nel tempo delle regole produttive:
Introdotto in lucchesia da tantissimo tempo probabilmente importato dalle zone litoranee (Massa-Sarzana) si è ampiamente diffuso, per le sue qualità organolettiche e l’ottima produttività. Il fagiolo stortino di Lucca è ottimo in tutte le preparazioni tipiche dei cosiddetti fagioli mangiatutto ma, questo, vede esaltate le sue caratteristiche nella tipica preparazione “in umido”.

9. Produzione:
Attualmente la produzione si aggira intorno ai 100 q.li ma la stima potrebbe essere in difetto in quanto è molto diffusa la produzione di questo fagiolo in orti familiari per autonconsumo